IRON MIND 2017 – 20 BIMBI PROVANO 7 DISCIPLINE DI SPORT PER DISABILI

Nelle giornate del 21 e 22 ottobre si è svolta a Torino una bellissima ed emozionante manifestazione, denominata IRON MIND, promossa e organizzata dal nostro amico e testimonial Marco Berry attraverso la Onlus che porta il suo nome.

20 giovanissimi ragazzini di età media di 10-12 anni, portatori di varie tipologie di disabilità fisica, hanno potuto cimentarsi nel corso delle due giornate nella pratica di ben sette diverse discipline sportive: nuoto, tiro con l’arco, canottaggio, basket in carrozzina, scherma, tennis da tavolo, tennis.
Gli impianti erano quelli della Sisport di via Olivero, fatto salvo, ovviamente, il canottaggio, proposto in riva al Po dalla Armida.

Ai ragazzi è stato consegnato uno zainetto contenente tutto il materiale necessario per poter partecipare al meglio ai vari eventi. Grande successo hanno riscosso spada e mascherina per la scherma, racchetta da ping-pong e magliette varie.

Sabato sera, cena di gala presso il ristorante dello Sporting di corso Agnelli, cena a cui hanno partecipato importanti testimonial dello sport per disabili e al successo della quale ha contribuito personalmente Berry con la consueta allegria e numeri di magia.

Noi siamo stati presenti con i nostri due coach Andrea Rocca e Ciccio Mancuso che con affetto e pazienza hanno introdotto questi meravigliosi ragazzini nel nostro spicchio di mondo sportivo regalando loro un bel momento di gioco e divertimento. Presente, come sempre, l’insostituibile e mitico Pino Scandurra perché occorreva naturalmente mettere a disposizione un elevato numero di carrozzine.
A questo riguardo, sono state preziosissime le sette bellissime e variopinte mini carrozzine messe a disposizione dal nostro Luca Viotti.

Nella galleria fotografica abbiamo inserito qualche foto ricordo dell’evento, nonché un filmato di qualche minuto nell’apposita sezione video.

Secondo gli organizzatori, questo evento rappresenta solo l’inizio di un cammino che intendono percorrere a livello nazionale per sensibilizzare, anche attraverso una massiccia e professionale comunicazione, ampie fasce di potenziali fruitori dei sicuri benefici fisici e mentali procurati da una assidua e convinta pratica di uno sport senza barriere.