Autore: antonio busso

PER LA 2^ VOLTA IN STAGIONE I SUPPLEMENTARI PUNISCONO TORINO: 54-47 PER I RIMINESI

Eccettuati i due campionati disputati nella serie A1, quando prendere sonore legnate era la norma…, forse per la prima volta dopo circa 15 anni di onorata militanza, HB UICEP TORINO  è ancora a secco dopo le prime tre giornate. Nella trasferta di  Rimini, infatti, i nostri ragazzi non sono riusciti a centrare la vittoria contro un team sicuramente alla nostra portata anche se, esattamente come nel primo incontro contro i bresciani, il successo è stato veramente a portata di mano. Anche in questo caso, infatti,  sono stati supplementari a decidere l’esito dell’incontro, e, esattamente come a Brescia, dopo un incontro terminato in perfetta parità (tutte le 4 frazioni sono state disputate in perfetto equilibrio), è stato l’extra-time a decidere l’esito della partita (ironia della sorte, con i medesimi 7 punti gap di negativo per noi). Abbiamo evidentemente limiti di tenuta fisica dovuti anche al fatto che almeno mezzo squadra si allena solo una volta alla settimana per impegni professionali o familiari, ma ciò non giustifica il fatto che si continui a giocare poco di squadra e che a livello tecnico-tattico le raccomandazioni di coach Rocca vengano troppo spesso disattese. Per nostra non marginale scusante dobbiamo registrare che in terra romagnola  abbiamo presentato un team carente di due dei nostri migliori elementi. Visto il prossimo impegno (trasferta del 14 dicembre contro il fortissimo Varese proveniente dalla serie maggiore) , è alquanto facile prevedere che l’appuntamento con i primi due punti in classifica non potrà che slittare ancora sino al nuovo anno

SCONFITTA CASALINGA CONTRO IL SEREGNO: 35 – 50

Partita piuttosto scialba dei nostri ragazzi contro un Seregno che, almeno sulla carta, sembrava alla nostra portata. Nonostante che nella prima frazione le due squadre si siano sostanzialmente equivalse a livello di frequenza al tiro, la nostra percentuale di realizzazioni è stata tra le più basse registrate negli ultimi anni. Non era evidentemente giornata, perché la maggior parte dei tiri sono stati più che accettabili, ma visto che non è ancora stata inventata la norma che tre ferri interni fanno canestro…, abbiamo chiuso il primo tempo con un gap negativo di 11 punti, svantaggio che ha segnato l’esito della partita. Le due frazioni centrali sono state in perfetto equilibrio ma a Torino è mancata la determinazione ed il dinamismo per cercare in extremis di invertire la tendenza negativa. Viste le due vittorie della trascorsa stagione, domenica prossima, a Rimini, potremmo avere l’occasione buona per riassaporare il dolce sapore della vittoria ….

ROCAMBOLESCA SCONFITTA NELLA PRIMA DI CAMPIONATO A BRESCIA 38 A 45

Definire rocambolesca la partita di esordio dei nostri alfieri, e ancora dire poco. O bisognerebbe usare ancor più propriamente  il concetto di grande  rammarico.

Dopo un inizio disastroso, con otto punti per i padroni di casa e zero canestri per i nostri dopo i primi cinque minuti, siamo riusciti a risalire la china in modo piuttosto brillante arrivando ad avere fino ad 11 punti di vantaggio dopo 3 minuti della terza frazione di gara.

Complice un certo rilassamento e anche a motivo di alcuni  avvicendamenti nel quintetto base che hanno fatto perdere la concentrazione, i padroni di casa sono riusciti a colmare lo svantaggio con un parziale di ben 12 a 0 a loro favore. Quarta frazione in sostanziale parità tanto da chiudere l’incontro sul 35 a 35, anche se una decisione arbitrale assolutamente discutibile a 2 secondi dalla fine per un chiarissimo fallo su Rocca non assegnatoci, ci ha tolto la possibilità di fruire di  due  tiri liberi che ci   avrebbero  probabilmente fatto vincere la partita. Il tempo supplementare è stato purtroppo senza storia perché a fronte di nostri ripetuti errori a canestro i bresciani hanno invece azzeccato tutte le giocate che non erano loro riuscite nei tempi regolamentari. In ogni caso quella di Brescia  è pur sempre stata una partita gagliarda dei nostri visto che i lombardi non sono certo una squadra materasso, e visto  che noi abbiamo purtroppo dovuto anche fare i conti con  una preparazione pre-campionato non ottimale a causa di allenamenti spesso effettuati con un organico ridotto per le più disparate motivazioni di tipo familiare e lavorativo. In ogni caso, morale buono perché in campo si è vista una bella grinta è un certo orgoglio, fattori che potrebbero costituire per le prossime partite un buon viatico

Il 2° MEMORIAL CARLOTTA MAGNANELLI VINTO OGGI CON MERITO DAL SEREGNO

Come già annunciato in precedenza, si è svolto oggi al Palamoncrivello il torneo di basket in carrozzina organizzato da HB UICEP TORINO e dai due genitori in memoria di Carlotta Magnanelli, di quella splendida Carlotta che oggi è rimasta in mezzo a tutti noi dispensandoci il suo giovane e luminoso sorriso dai due grandi banner appesi alle spalliere della palestra. Secondo Memorial e, a conclusione dell’evento possiamo dirlo, secondo grande successo di questa manifestazione che ha da un lato certamente commosso i genitori di Carlotta ma ha anche riempito di orgoglio tutti noi di HB vista la messe di complimenti ricevuti dalle squadre ospiti e dal pubblico presente.

Avvicinandoci al lato sportivo della manifestazione abbiamo dovuto prendere atto dello strapotere odierno della squadra vincitrice, un Seregno veramente determinato, tonico e concentrato, in grado di infliggere scarti di 30 punti a noi in mattinata, ed una ventina nella finale pomeridiana contro l’altra finalista Brescia. Nella finalina del primo pomeriggio siamo purtroppo riusciti a perdere anche il terzo gradino del podio visto che abbiamo gettato al vento una vittoria praticamente già  in sacoccia con una incredibile leggerezza compiuta a otto secondi dal termine quando si era  in vantaggio di un punto e con palla nostra. Dei due tiri liberi da noi regalati agli avversari ticinesi, uno è purtroppo finito nel cesto con conseguente tempo supplementare di 5 minuti, supplementare vinto con merito dagli amici svizzeri.

Ma era ovvio come il risultato fosse  oggi l’ultima cosa a cui badare  con priorità, viste le caratteristiche e finalità del torneo, e siamo ben contenti che le nostre squadre ospiti siano tornate a casa con un motivo in più di soddisfazione e di sportivo compiacimento.

Abbiamo detto un motivo in più in quanto non è stato certo trascurabile il fatto che i genitori di Carlotta abbiano deciso di premiare generosamente con premi a scalare tutte le quattro compagini, che abbiano donato elegantissime canotte ricordo per ognuno dei giocatori e che abbiano altresì deciso  di premiare con due tablet  il miglior realizzatore e  il miglior giocatore del torneo. Insomma, proprio una bella  e …. ricca  festa per tutti.

Nella galleria fotografica alcune foto per ricordarci meglio in futuro di questa bella giornata al cui successo ha contribuito non poco la massiccia presenza di parenti ed  amici del nostro presidente nonché di personale dell’Istituto Fisicoterapico, nostro sponsor, da lui guidato.

2° MEMORIAL CARLOTTA MAGNANELLI: 11 MAGGIO AL PALAMONCRIVELLO

Ogni promessa è debito.
Visto il grande successo registrato dalla prima edizione del Memorial intitolato a Carlotta Magnanelli, una nostra cara giovane amica purtroppo prematuramente e tragicamente scomparsa a seguito di un incidente, grazie al sostegno anche economico nuovamente assicuratoci dai genitori di Carlotta, molto più che sostenitori e ormai nostri grandi amici, anche quest’anno si svolgerà nel solito impianto di via Moncrivello la seconda edizione del Memorial stesso.
Per questo secondo evento sono però previsti quattro Team partecipanti ed il torneo si svolgerà con eliminatorie mattutine e finali pomeridiane, il tutto in data sabato 11 maggio prossimo venturo.
La relativa locandina è cliccabile come prima immagine delle 6 foto riportate in homepage ed è utile per disporre dei necessari dettagli circa partite ed orari. Contiamo che come per la prima edizione il pubblico possa essere ancora una volta numeroso ed appassionato per assicurare una degna cornice all’impegno che le quattro squadre profonderanno sul parquet di gioco per l’intera giornata.

BATTUTI I BRESCIANI PER 42 A 35 CHIUDIAMO IL CAMPIONATO CON UN BELLISSIMO 2° POSTO NELLA CLASSIFICA GENERALE

È trascorsa appena una settimana dalla esaltante vittoria fuori casa di misura contro il forte team di Brescia, ma le paure di non riuscire a replicare l’impresa nell’ultima partita casalinga di campionato, da disputarsi sempre contro i lombardi, sono durate solo il tempo di un quarto di gara. Come per la gara di 7 giorni fa, anche oggi partenza in folle dei torinesi e vantaggio degli ospiti di 4 punti alla chiusura del primo quarto. Ma, analogamente a quanto accaduto nella trasferta della scorsa settimana, i nostri hanno saputo presto ritrovare concentrazione e determinazione per pareggiare l’incontro all’intervallo: 21 a 21.
Immediato allungo ad inizio della terza frazione con vantaggio stabilizzatosi per noi attorno ai 4-5 punti, e chiusura di gara con un rotondo 42 a 35. Questa importantissima vittoria ha voluto dire il conseguimento a titolo definitivo del secondo posto in classifica, risultato che nemmeno la più ottimistica previsione ci aveva permesso di sperare ad inizio stagione. Ovviamente, grande soddisfazione ed eccitazione di tutto il gruppo nonché della solita decina di scatenati aficionados che dagli spalti hanno anche oggi dato l’impressione, a colpi di decibel, di trovarci in uno stadio pieno zeppo di spettatori.
Buona partita di tutti, ma ottima per Piscitello, che ottiene il massimo stagionale in una gara: 24 punti. Lo score totale a fine campionato dei nostri risulta essere il seguente: Piscitello 131- Longo 67 – Martini 66 – Rocca 55 – Sansò 32 – Lui 27 – Cianci 17 – Dah 14 – Inghilterra 2.
Grazie ragazzi per tutte le emozioni che ci avete riservato anche quest’anno e tenetevi stretto questo bellissimo secondo posto in classifica da intendersi come giusto coronamento e premio per tutta la fatica profusa con passione negli allenamenti bi-settimanali cominciati da settembre 2018.

HB UICEP TORINO INSIGNITA DAL CIP CON LA STELLA DI BRONZO AL MERITO SPORTIVO PARALIMPICO

Decisamente un bel periodo, quest’ultimo, per HB UICEP TORINO.

Le soddisfazioni relative all’attività sportiva (attuale secondo posto nella classifica del campionato di Serie B), sì sono oggi sposate con il conferimento alla nostra associazione di una importante onorificenza ottenuta dal comitato paralimpico regionale.

Nella sede del Circolo della Stampa – Sporting  di Corso Agnelli, sono state assegnate alcune stelle al merito sportivo paralimpico, nonché targhe personali ad alcuni atleti e dirigenti distintisi particolarmente nell’area dello sport per disabili.

Questi riconoscimenti sono stati disposti per la prima volta dal CIP piemontese di concerto con la Regione Piemonte, e si affiancano ad analoghe benemerenze già distribuite da decenni dal CONI.

HB UICEP TORINO è stata la prima associazione ad essere premiata, ed al nostro presidente dr. Moniaci è stata consegnata la stella di bronzo al merito sportivo paralimpico.

Se pure non specificamente premiato, al nostro Ciccio Mancuso sono arrivati nell’occasione non pochi complimenti da molti degli intervenuti per la sua infaticabile attività ormai quasi quarantennale nell’area del basket in carrozzina.

Nella galleria fotografica 4 foto per ricordare l’evento

BELLISSIMA VITTORIA NELLA TRASFERTA DI BRESCIA: 44 A 40 PER HB

Nella pericolosa trasferta di Brescia, altra grande impresa dei nostri ragazzi. A nulla è valso infatti ai Lombardi schierare in campo un roster di 12 atleti con ben 5 lunghi, di cui tre sempre presenti nel quintetto in campo, per riuscire a vincere una partita che sembrava ampiamente alla loro portata visto anche l’esito del primo tempo, chiuso con un margine per la squadra di casa di 5 punti.Ma uno splendido Longo, veramente in giornata, ha inizialmente contenuto la furia degli avversari mettendo a segno i nostri primi 13 punti, compresa una gran tripla. Nella seconda metà di gara emozionanti fasi alterne con nostre prestazioni individuali decisamente buone, tipo una seconda  tripla, questa volta di Piscitello, anche lui in ottima  giornata anche se per una volta non come top scorer: 13 punti per lui a fine partita (ma con una alta percentuale al tiro) contro i 17 finali di Longo. Minuti finali ovviamente tesissimi ma i nostri, estremamente concentrati, sono riusciti a tenere stretto con i denti un meritato vantaggio di 4 punti che ha  consentito alla squadra un rientro a Torino decisamente in allegria. Sottolineate doverosamente le migliori performance individuali, va detto che i meriti per vittorie come questa sono da spalmare su tutta la squadra, che ha oggi dimostrato in tutti i suoi componenti   una feroce determinazione ed un’ottima concentrazione. Dovessimo ripetere l’impresa di oggi anche nell’ultima giornata, sempre contro i bresciani, chiuderemmo il campionato con un bellissimo secondo posto in classifica. Speriamo pertanto al riguardo in una adeguata mobilitazione di pubblico, non solo per l’importanza della partita ma per porgere un saluto ed un abbraccio ai ragazzi per l’ultima uscita di campionato.

Vittoria casalinga in scioltezza contro Rimini: 39 a 21

Contro la cenerentola della classifica, i simpatici riminesi ancora a zero punti, abbiamo disputato una partita decisamente in souplesse. Coach Rocca, visto il livello tecnico degli avversari, decide giustamente di schierare tutti i giocatori che fino ad oggi erano entrati in campo per un trascurabile numero di minuti, ma nonostante la formazione sperimentale Torino parte bene con una prima frazione chiusa con 8 punti di margine. Per tutto il secondo quarto è per una buona metà del terzo, però, la squadra decide di prendersi una incredibile vacanza, mettendo a segno un solo misero punto in ben 15 minuti di gioco. L’entrata in campo a metà del terzo tempo di Rocca imprime una svolta positiva all’incontro con alcuni canestri suoi ed altri 6 punti messi a segno da Martini, oggi top scorer con 17 punti. Quarta frazione senza storia, chiusa con 10 punti di margine positivo, con passerella finale di soli 3 minuti per Piscitello che riesce comunque a portarsi a casa altri 6 punti che gli consentono di avvicinare quota 100 per i canestri messi a segno nell’intera stagione

IMPRESA DI HB CONTRO I FORTI GENOVESI: VITTORIA AI SUPPLEMENTARI PER 55 A 53

Oggi pomeriggio i pochi spettatori che hanno deciso eroicamente di sfidare il maltempo sono stati ricompensati dalla classica partita in grado di riconciliare tutti con i valori del vero sport. L’incontro è stato davvero bellissimo, nettamente il migliore sotto il profilo non solo agonistico ma anche tecnico della stagione. Contro il solito forte e coriaceo Genova, i nostri, più precisi del solito al tiro, sono stati in vantaggio anche di 8 punti per tre quarti di gara, ma nella quarta frazione i liguri si sono fatti sotto con grande caparbietà riuscendo ad annullare via via il gap negativo in modo da regalare all’incontro un finale di partita veramente incandescente. Negli ultimi tre minuti abbiamo infatti assistito a continui cambiamenti nel punteggio di testa, e le squadre hanno finito per chiudere in perfetta parità i tempi regolamentari, evento praticamente unico nella storia di HB. L’inizio del tempo supplementare è cominciato piuttosto maluccio per noi perché Genova, con il solito Amasio, metteva a segno dopo pochi secondi una tripla pesante. Ma i nostri avevano oggi evidentemente deciso di vendere cara la pelle, e combattendo all’arma bianca i due minuti finali hanno finito per regalarci una entusiasmante vittoria con due punti di scarto ottenuti negli ultimi secondi di gara. Dei nostri, tre, cosa inusuale, in doppia cifra: Piscitello con 20, Martini e Rocca con 10 a testa. A merito dei competitori odierni va ascritto il fatto che entrambi quest’anno non nutrivano particolari ambizioni di classifica e men che meno di risalita alla serie superiore, ma, appunto per questo, l’agonismo, la passione e la fame di vittoria visti in campo acquistano ancor più significato, ed i due punti al vincitore sono in fondo il giusto premio per la squadra che ci ha più creduto fino alla fine e che ha saputo tirare fuori al momento buono la “cazzimma” necessaria per uscire vittoriosa. Grazie Torino, grazie Genova, grazie ragazzi  (vincitori e sconfitti, ma non vinti) per averci regalato questa emozione.